CODICE ROSSO 2009

La prima volta de servizio civile: CODICE ROSSO 2009

 

Nell’anno 2009,per la prima volta da quando è nata,la misericordia di Belpasso è riuscita a partecipare al progetto di

servizio civile nazionale proposto dalla confederazione nazionale delle misericordie di Italia,progetto dal nome accattivante “Codice Rosso 2009”.

 

In precedenza la confraternita di Belpasso aveva ospitato i cosiddetti obiettori di coscienza,ma l’esperienza del servizio civile e la possibilità di integrare nuovi ragazzi,nuovi giovani all’interno dell’associazione e renderli “cittadini attivi” ha spinto il presidente A.Licata con l’aiuto e l’impegno costante della Fam.Calvagno a dar avvio il 7 gennaio 2010 al progetto codice rosso 2009.

Il progetto,avendo a sfondo il settore dell’assistenza,si propone di intervenire a favore di pazienti affetti da patologie temporaneamente e/o permanentemente invalidanti e/o in fase terminale.

L’impianto progettuale ha tenuto conto del fatto che già tutte le associazioni delle misericordie che hanno attuato il progetto sono già attive sul territorio ed offrono il servizio di trasporto ordinario,prestazione diretta in generale alla popolazione residente e si configura come trasporto sanitario-ordinario(per ricoveri,visite specialistiche,dimissioni) ed emergenza (con o senza medico a bordo).

Il servizio è stato articolato nei seguenti ambiti:

1)trasporto sanitario-ordinario

2)trasporto sanitario d’emergenza

3)assistenza ad eventi o gare sportive

Il progetto all’interno della Misericordia di Belpasso,ha impegnato ben 16 giovani volontari per 30 ore settimanali da coprire in 6 giorni,di un’età compresa tra i 18 e i 28 anni.

La Misericordia si è avvalsa nei primi mesi del progetto,ai fini di una formazione specifica,della collaborazione di medici ed esperti per fornire a questi giovani una conoscenza almeno minima delle principali nozioni mediche necessarie in caso di primo soccorso pur non avendo a disposizione i mezzi adeguati al tipo di servizio.

Oltre la formazione specifica,vi è stata una formazione generale,con lezioni frontali,lavori di gruppo,esercitazioni teorico-pratiche predisposte dal settore formazione della confraternita nazionale delle misericordie.

Gli obiettivi del progetto sono:

1)Offrire a coloro che ne fanno richiesta un servizio di trasporto efficace.

2)Realizzazione del trasporto sanitario d’emergenza,che può essere svolto senza medico a bordo;quindi offrire un tempestivo intervento sanitario in caso di emergenza.

3)Servizio di assistenza attraverso la presenza di una postazione per il primo soccorso con le ambulanze dell’associazione durante eventi o gare sportive.

4)Monitoraggio del servizio erogato intervistando gli anziani,le persone disabili,ai familiari che usufruiscono dell’apporto dei volontari e laddove si presenti la necessità ai medici e/o assistenti sociali che li seguono.

 Di Graziano Urzì

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Nome *
Email *
Sito web